Tutor

Donatella Colombo – violino

screenshot-2015-06-23-20-37-16.pngSi è diplomata in violino con il massimo dei voti, presso l’Istituto Musicale pareggiato “G. Donizetti” di Bergamo nella classe di Mauro Catalano, conseguendo una borsa di studio per il miglior diploma dell’anno accademico. In veste di solista ha eseguito il concerto di Ciaikovsky con l’orchestra “Angelicum” di Milano esibendosi al Teatro Donizetti di Bergamo e al Teatro Angelicum di Milano. Ha partecipato, come allieva effettiva, ad importanti corsi di perfezionamento sia per violino che per musica da camera con i maestri: Corrado Romano, Cristiano Rossi, Aldo Bennici, e, invitata da Franco Gulli, presso l’Accademia Chigiana di Siena con Franco Gulli ed Enrica Cavallo. Ha svolto intensa attività in duo violino e pianoforte e ha fondato nel 1986 il “Duo Italiano” con il chitarrista Marco Tajo. E’ membro fondatore e I° violino del “Quintetto Ambrosiano” con cui ha effettuato concerti in importanti città italiane (concerti per l’associazione Teatro ”R. Valli” di Reggio E., Teatro del Giglio di Lucca ecc.) ed europee, con registrazioni per enti radiofonici tra cui Radio Televisione Polacca ed RTSI di Lugano. Per la casa discografica Antes Concerto ha inciso l’integrale dei Quintetti per chitarra e archi di L. Boccherini (3 CD) ottenendo consensi molto favorevoli dalla critica discografica, che li ha segnalati come “ esecuzione di riferimento “, e per Sarx due CD con sonate inedite di T. Albinoni per violino e basso continuo. Ha collaborato per lunghi periodi con diverse orchestre da camera e sinfoniche tra cui Arena di Verona, Orchestra Regionale Toscana , RAI di Milano e per una’intera stagione con l’ Orchestra del Teatro alla Scala. Per alcuni anni ha occupato stabilmente il ruolo di concertino dei primi violini, e per alcune produzioni, sia sinfoniche che liriche, il ruolo di spalla presso l’Orchestra da Camera Angelicum di Milano e dal 1990 al 2000 è stata prima parte presso l’orchestra “I Pomeriggi Musicali di Milano”. Collabora regolarmente con “L’Orchestra del Teatro G. Donizetti di Bergamo”, “L’Orchestra da Camera di Brescia”, “L’Orchestra del Teatro Regio di Parma” e con ensemble di musica antica quali “L’Accademia degli Astrusi” e “Modo Antiquo”, suonando su strumenti originali. Come violino di spalla, ha partecipato alla prima esecuzione moderna dell’opera di Francesco Cavalli: Eliogabalo, su strumenti originali. All’attività strumentale, affianca l’attività didattica occupandosi oltre che dell’insegnamento del violino anche dell’educazione musicale propedeutica applicando la metodologia Willems attraverso: “Le basi psicologiche dell’educazione musicale”, “L’orecchio musicale”, “Il ritmo musicale” e molti altri aspetti della formazione psicologico-musicale. Ha frequentato i corsi dell’Associazione Internazionale d’Educatione Musicale Willems Lyon – France conseguendo il certificato per il diploma pedagogico ed ha anche preso parte al Ventesimo Seminario Nazionale di Educazione Musicale Edgar Willems. Per due anni ha tenuto corsi di violino e musica da camera presso il Conservatorio Superiore di Malaga (Spagna). Ha insegnato all’Istituto Musicale Pareggiato “F. Vittadini” di Pavia, al Conservatorio “C.Monteverdi” di Bolzano, al Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria e al Conservatorio “G. da Venosa” di Potenza. E’ vincitrice dell’ultimo concorso ministeriale per titoli ed esami, indetto dal Ministero al fine di conferire idoneità per l’insegnamento di violino in ruolo nei Conservatori Statali di Musica. Dal 2004 é titolare della classe di violino al Conservatorio “G. Verdi” di Como.Da molti anni suona stabilmente con l’ensemble “I Solisti di Pavia“ diretti dal Enrico Dindo, con il quale ha effettuato numerosi concerti, tournèe in Italia e all’estero e molte incisioni discografiche.

Giuseppe Miglioli – viola

IMG-20160311-WA0001.jpg

Si diploma brillantemente nel 1985 in Viola presso il Conservatorio di musica di Brescia, città dove attualmente vive. È stato allievo del maestro G. Ruymen (Bruxelles) per ‘Viola’ presso la fondazione R. Romanini di Brescia e del maestro F. Rossi (Firenze) per ‘Musica da camera’. Frequenta il biennio di alto perfezionamento presso l’Accademia “W. Stauffer” di Cremona sotto la guida del maestro B. Giuranna.

Da 25 anni è Prima viola e Prima viola solista; ricopre tale ruolo dal 1986, dapprima presso l’Orchestra di Padova e del Veneto (fino al 1990); in seguito presso l’Orchestra del Teatro Verdi di Trieste (fino al 1997) e, dal 1997 al 2008, presso l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano.
Nel 1988 con altri tre colleghi fonda il gruppo d’archi Kreativ Ensemble che ha al suo attivo più di 800 concerti, con presenze a stagioni di importanza nazionale quali: I Suoni delle Dolomiti, Musicastello e Pesaro Festival, sono presenti su YouTube canale Arkovi; nel 2010 e nel 2011 partecipa come Prima viola al Festival dell’Arena di Verona. Attualmente collabora con i Cameristi della Scala.
Docente di Viola presso il conservatorio di Como, è stato titolare di cattedra, dal 1986, in diversi conservatori italiani; dal 2008 è docente per la FISM (Federazione Italiana delle Scuole Materne) di Parma per i corsi di propedeutica musicale nelle scuole dell’infanzia; tiene lezioni-concerto presso licei e scuole di Brescia e di Como.
Nel 2009 tiene una masterclass presso il Conservatorio Superiore di Malaga (Spagna); nel 2010 all’Università di Gorizia, presso la Facoltà delle Scienze Diplomatiche e, nel 2011, a Falun (Svezia), al congresso internazionale ‘Esta’. È invitato regolarmente quale “Esperto di strumento” presso il Conservatorio superiore di musica della Svizzera italiana di Lugano per le lauree Bachelor e Master of arts.
Nel 2009-2010 ha pubblicato articoli per la rivista specializzata A Tutto Arco: “Erasmus, un legato tra due paesi” (anno II n. 4); “Intervista a Daniel Palmizio” (anno III n. 5). Membro del comitato direttivo dell’European String Teachers Association (ESTA ) e del Consiglio accademico del Conservatorio di Como. Progetti artistici: nel 2006, organizza la rassegna musicale Di Sera al museo presso il museo S. Giulia di Brescia e la Pinacoteca Tosio-Martinengo; nel 2007 al Teatro Grande di Brescia coordina e organizza il ‘Laboratorio Musicale per l’Infanzia’ (LAMI); nel 2006 è consulente artistico presso il ‘Pusiano Cave Festival’ (CO).

 

Jorge Bosso – violoncello

03.jpg

Nel Gennaio 2014 DECCA rilascia la sua versione per violoncello e archi de Las Cuatro Estaciones di Astor Piazzolla, eseguita da Enrico Dindo insieme a I Solisti di Pavia. Nel maggio 2014 ha realizzato la premiere delle sue Tre meditazioni per coro misto e violoncello, al Festival Biblico di Vicenza, durante la prolusione tenuta dal cardinale Gianfranco Ravasi. L’anno successivo ha il privilegio di donare la partitura a Papa Francesco, pubblicata dalla Casa Musicale Sonzogno. Il 21 dicembre 2014 si realizza la premiere di Valentina! Un violoncello a fumetti, per solo violoncello e archi – commissionata da Enrico Dindo, I Solisti di Pavia e la Fondazione Banca del Monte di Lombardia – in collaborazione con l’Archivio Crepax presso il Teatro Fraschini di Pavia. Negli ultimi anni ha composto musiche che rimandano sempre di più a un’idea concettuale, alla ricerca di un pensiero trascendentale, metafisico: “Kohelet” per solo violino, solo cello e coro misto ispirato al sacro libro Ecclesiaste, “Duo I” e “Duo II” per violino e violoncello, “Piano Trio” per violino, violoncello e piano, “Requiem” per coro misto, soprano e solo cello, “Bridges” basato sui Preludi e Fughe op. 87 di Shostakowitsch per coro femminile e ensemble, “Der Frühling der Minnesanger” (Bach – Bosso) per solo violino e coro misto, MOSHEE per solo cello e 17 archi, Aulularia per 5 attori, quartetto vocale e ensemble, “Je Suis Surikov Kazakh Russe” per baritono, solo violino, solo cello, gruppo folkloristico russo, orchestra d’archi, percussioni, coro misto e coro di voci bianche, commissionato dalla amministrazione di Krasnoyarsk, e documentato  dalla realizzazione di un cd/dvd della premiere tenuta nella città siberiana. Le sopracitate opere furono eseguite in diversi paesi e città quali Petrozavodsk, San Pietroburgo (Sala Bolshoi), Nizhny Novgorod, Mosca (Sala Bolshoi), Vienna, Salisburgo, Milano (Sala Verdi, Conservatorio), Inghilterra, Svizzera, Israele, Turchia, Croazia, Stati Uniti, Belgio, Olanda, Francia, Spagna. Parallelamente ha proposto opere del passato sotto un’altra prospettiva. Frutto di questo percorso sono le orchestrazioni delle sonate per violino e pianoforte di Ravel, Debussy, Strauss scritte per Dora Schwarzberg, e le sonate per violoncello di Debussy nella versione per archi e in seguito per orchestra sinfonica, composte rispettivamente per Enrico Dindo e Gavriel Lipkind. Ha avuto il privilegio di conoscere e collaborare con grandi musicisti quali Dora Schwarzberg, Ivry Gitlis, Martha Argerich, Lilya Zilberstein. Alcune di queste collaborazioni sono state incise, e prodotte su CD dalla casa discografica EMI. Un punto di svolta nella sua carriera artistica è stato l’incontro e la profonda amicizia con la violinista Dora Schwarzberg,  con la quale ha creato ed eseguito numerose composizioni.  Risultato e conseguenza dei loro pensieri e riflessioni è la creazione del festival Bridges a Tel Aviv. Al tempo stesso si considera un compositore che non crede più nella divisione tra le diverse correnti musicali. Fa parte di questo suo pensiero l’ensemble BossoConcept. Nel 2010 gli è stata commissionata dall’Associazione Amici della Musica di Sondalo la composizione dell’opera Aulularia sul celebre testo di Plauto per cinque attori, quartetto vocale e ensemble strumentale. Nel 2011 gli è stata affidata, da Serate Musicali Associazione Culturale, la composizione dell’opera Di Mappe, Valli et laiche legendae, un monumento musicale, un edificio sonoro, per celebrare la Valtellina e la Valchiavenna, per coro maschile, ensemble vocale femminile, voci bianche, soprano, voce recitante, gruppo strumentale e proiezioni multimediali. Durante il Progetto Martha Argerich 2012, è stato prodotto e trasmesso dalla RSI Rete Due, Radio Televisione Svizzera Italiana, il ciclo di venti puntate da lui concepito, Alla Ricerca del Tango Perduto, ispirato alla musica di Buenos Aires con la collaborazione di Giada Marsadri.        Nel 2015 gli furono commissionati: BROTHERS per due violoncelli e coro misto a cappella – ispirato alla corrispondenza tra i fratelli Van Gogh -, Tangos at an Exhibition! per ensemble strumentale (prossima registrazione presso gli studi di LimenMusic), e Cinco Tangos Apòcrifos per cello e archi (la premiere si terrà presso l’Università McGill di Montreal, Canada).

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close