Corso Annuale di Perfezionamento – Pianoforte e Musica da Camera – Roberto Paruzzo

 

Corso Annuale di Perfezionamento – Pianoforte e Musica da Camera – Roberto Paruzzo 

0001

 

 

Roberto Paruzzo – Pianoforte

http://www.robertoparuzzo.com/index.html5 - Roberto Paruzzo.jpg

Laureatosi con il massimo dei voti, lode e “menzione ad honorem” al Conservatorio “G.Verdi” di Milano, si perfeziona con Franco Gei, allievo di Arturo Benedetti Michelangeli, Pier Narciso Masi e Kendall Taylor, Principal del Royal College di Londra.

Dal 1984 al 1996 vince 14 premi in concorsi pianistici nazionali ed internazionali, tra i quali il I premio assoluto al 24° Concorso “Coppa Pianisti d’Italia” di Osimo nel 1991, il I premio assoluto al 16° Concorso “Città di Albenga” nel 1993 ed ai concorsi di Genova, Mantova, Monza, Torre Pellice, Casale Monferrato, Como, Stresa e Venezia (premio speciale al “Premio Venezia” 1992).

Inizia presto la sua attività solistica presentandosi nei principali teatri italiani ed esteri quali il Teatro La Fenice e Goldoni di Venezia, Bibiena di Mantova, Ponchielli di Cremona, Donizetti di Bergamo, Goldoni di Firenze, Sociale di Trento, Teatro Nuovo di Udine, Eden di Treviso, Toniolo di Mestre, Auditorium Haydn di Bolzano, Theater Volkhaus di Zurigo, National di Berna, Montforthaus di Feldkirch, Theater Basel, Teatro di Locarno, Stadtstheater di Schaffausen, Stadtshalle di Balingen, Hebbel-Theatre di Berlino, Teatro di Istanbul ed in importanti sale da concerto ad Amburgo, Londra, Parigi ed Hong-Kong.

Dal 1995 viene regolarmente invitato dalle più prestigiose istituzioni concertistiche italiane quali La Società dei Concerti e Serate Musicali di Milano, Società dei Concerti di Cremona, Accademia I Filarmonici di Verona, Teatri S.p.A di Treviso, Amici della Musica di Mestre, Regio di Parma, Maggio Musicale Fiorentino, Accademia Filarmonica Romana, Associazione “A.Scarlatti” di Napoli, Festival Internazionale delle Nazioni di Città di Castello, “Lyceum” di Catania, Gioventù Musicale d’Italia e nelle principali sedi degli Amici della Musica.

Nel 2001 effettua una tournée con l’Orchestra “Haydn” di Bolzano e Trento eseguendo il Terzo Concerto di Beethoven sotto la direzione di Johannes Wildner; le principali testate giornalistiche italiane gli dedicano ampi spazi con critiche molto lusinghiere:

” … Paruzzo ha rivelato straordinarie doti interpretative tutte sorrette da un suono pianistico epifania di una sensibilità musicale non comune. Ogni frase, ogni dettaglio, ogni figurazione anche quelle linguisticamente più legate al repertorio tecnico pianistico, rivelano sotto le dita di Paruzzo l´arcano della loro ispirazione poetica … “

 ” … Un protagonismo di cui Paruzzo gestiva accortamente gli effetti facendo apprezzare soprattutto la bellezza del suono, in una dimensione di distaccata contemplazione a favore di un atteggiamento decisamente più contemplativo verso il fatto artistico che ne considera la bellezza astratta dalla soggettività. dotato di un solido smalto tecnico e di caparbia disinvoltura affiatato e scrupoloso nel raccordo con l’orchestra … “

 ” … Paruzzo ha privilegiato una dimensione raccolta e non troppo eccentrica nelle ampie cadenze solitarie riservate alla tastiera, dimostrando una bella sensibilità lirica. Due fuori programma, tra cui la temibile Alborada di Ravel, hanno confermato la fluida brillantezza del suo bagaglio musicale … ”.

 Nel 2002, accompagnato dall’Orchestra Sinfonica delle Fiandre diretta da David Angus, esegue il Concerto Kv 467 di Mozart al Concertgebow di Brugge, Teatro DeSingel di Anversa, Teatro Royal di Bruxelles etc, concludendo la tournée a Milano nella Sala Verdi del Conservatorio. A seguito di questi concerti Roberto Paruzzo è stato invitato ben quattro volte dalla Società dei Concerti di Milano nei due anni successivi.

Tra i suoi ultimi impegni spiccano i concerti al Teatro dell’Opera de Nice (Terzo Concerto di Beethoven diretto da Yuri Simonov), la tournée con l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto con il Primo Concerto di Liszt diretto da Zsolt Hamar (Auditorium “C.Pollini” di Padova, Teatro “Da Ponte” di Vittorio Veneto etc.), le esecuzioni della Rhapsody in Blue con l’Orchestra Sinfonica del Teatro Donizetti di Bergamo diretta da Fabrizio Maria Carminati, i concerti con l’Orchestra Sinfonica di Udine condotta da Tiziano Severini e con I Virtuosi Italiani diretti da Corrado Rovaris e Federico Mondelci, i recitals in duo con Bruno Giuranna e le partecipazione ai festivals internazionali di Usedom e Donauescingen in Germania.

Molto attivo anche nel repertorio da camera, vanta numerose collaborazioni con alcuni tra i più importanti artisti del panorama concertistico internazionale attraverso la decennale collaborazione in qualità di assistente con l’Accademia “W.Stauffer” di Cremona, il Campus Internazionale di Sermoneta e l’Accademia Chigiana di Siena.

Ha registrato per la Rai, Rtsi, La7 ed incide per le case discografiche Concerto ed Ambitus. Di recente publicazione ricordiamo i due CD per la rivista musicale AMADEUS con i Solisti del Teatro alla Scala e le registrazioni alla NDR di Amburgo edite dall’etichetta discografica Ambitus.

Tiene regolarmente masterclasses in Italia ed all´estero. Recentemente è stato invitato come docente al “Festival Internacional de Mùsica Erudita” di São Paulo; in quell’occasione si è inoltre esibito al São Paulo Museum of Art (produzione Art Invest).

Già docente di pianoforte principale presso i conservatori di Ferrara, Campobasso e Potenza, attualmente insegna all’Istituto Superiore di Studi Musicali “F.Vittadini” di Pavia ed alla 53ª Académie de Musique “Tibor Varga” di Sion.

 

ENGLISH  Flag_of_the_United_Kingdom.svg.png

Disciple of the Michelangeli school, he has obtained his diploma in Milan with honorable mention.

Winner of numerous competitions in Italy (XXIV Coppa Pianisti d’Italia in Osimo, Stresa, Monza, Genova, Mantova, Venezia, Albenga, Como etc.), he has performed in the most prestigious theatres in Europe, Asia and South America.

Recent highlights include performances at the Gran Teatro La Fenice and Goldoni in Venice, Teatro Donizetti in Bergamo, Teatro Ponchielli in Cremona, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Filarmonico and Teatro Nuovo in Verona, Auditorium Haydn in Bolzano, Teatro Sociale in Trento, Auditorium Pollini in Padua, Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto, Théâtre de l’Opéra de Nice, Concertgebow in Bruges, Théâtre deSingel in Anvers, Théâtre Royal in Brussels, Theatre National in Bern, Theatre Basel, Duke’s Hall in London, Drama Theatre of Hong-Kong and Museum of Art in São Paulo.

He has appeared with numerous prestigious orchestras such as the Flanders Symphony Orchestra, the Nice Philharmonic Orchestra, the Orchestra Sinfonica di Udine, the Orchestra Sinfonica Donizetti di Bergamo, the Haydn Orchestra of Bolzano and Trento and the Chamber Orchestra I Virtuosi Italiani, under the direction of Yuri Simonov, Zsolt Hamar, Johannes Wildner, David Angus, Fabrizio Maria Carminati, Corrado Rovaris, Tiziano Severini and Enrique Mazzola.

Highly acclaimed by the critics, Roberto Paruzzo receives words of praise in important publications:

” … Paruzzo showed extraordinary interpretative skills, all supported by a sound which is the epiphany of an uncommon musical sensitiveness. Every phrase, every detail, every passage even when linguistically more related to piano tecnique, under the fingers of Paruzzo unveal the secret of their poetic inspiration … “

” … The agreement with Mr. Wildner assured an optimal communication with the orchestra; the piano should neither impose itself nor become subordinate, finding always the equilibrium of a correct conversation, yet not leaving any doubt about its leading role. This charge was fulfilled with great ease by Mr. Paruzzo, who created an appreciation of the beauty of the sound in a dimension of detached contemplation … “.

He is regularly invited to important international festivals and concert series such as the Festival delle Nazioni of Città di Castello, Accademia Filarmonica Romana, Associazione Scarlatti of Naples, Società dei Concerti and Serate Musicali of Milan, Accademia I Filarmonici of Verona, Teatri S.p.A of Treviso, Amici della Musica of Mestre, Maggio Musicale Fiorentino, Berliner Festspiele, Donaueschingen Festival and Usedom Music Festival.

In addition to his successful solo career, he collaborates frequently in chamber music with renomated artists such as Francesco de Angelis, Bruno Giuranna, Rocco Filippini and Franco Petracchi.

He has already recorded numerous albums, many of them for the musical magazine AMADEUS, and recently for the Concerto and Ambitus labels.

Roberto Paruzzo is a professor at the Conservatory of Pavia.

 

 

 

Site by Leonardo Taio 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close