Corsi 2014

CristianoRossiCRISTIANO ROSSI

Discende da una famiglia di artisti bolognesi, ed inizia precocissimo, a nemmeno cinque anni, lo studio del Violino con una tale convinzione che lo porta a diplomarsi, a soli 16 anni, al Conservatorio di Bologna alla Scuola di Sandro Materassi. Intraprende subito l’attività concertistica vincendo importanti concorsi nazionali e internazionali, come Vittorio Veneto e Monaco di Baviera. A 18 anni, nel 1965, incide i suoi primi due dischi per la Erato di Parigi, attività discografica proseguita poi per la Emi, Dynamic e Naxos con numerosi CD dedicati a differenti periodi storici, da Vivaldi a Busoni, da Campagnoli a Wolf-Ferrari. Cristiano Rossi ha al suo attivo innumerevoli recital ed importanti concerti in tutte le città italiane, in Europa, Sud America, Stati Uniti e Giappone, per i Teatri più prestigiosi come Barbican Centre di Londra, Bunka Kaykan di Tokyo, Sala Tchaikovsky di Mosca, Filarmonica di S. Pietroburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Tonhalle di Zurigo. Ha partecipato ai Festival lnternazionali di Venezia, Stresa, Spoleto, Varna, Istanbul, Dubrovnik, suonando con famosi direttori quali Ahronovitch, Chailly, Oren, Pesko, Renzetti, Soudant, Delman. È stato invitato a partecipare a numerose e importanti manifestazioni: per l’Unicef, per il Bicentenario degli Stati Uniti (1976) con un recital alla Casa Bianca, per le Celebrazioni Colombiane (1992) a Genova, suonando il famoso “Cannone” di Paganini, a Castelgandolfo, in Piazza Maggiore a Bologna nel 1995 e 1997 per i Concerti commemorativi del 2 Agosto, ed ha ricevuto vari prestigiosi Premi fra i quali il “Diapason d’Oro” della Rai. Numerose sono le sue registrazioni di concerti pubblici radiotelevisivi per la RAI, BBC, RSI, DRF ecc. Docente di Violino al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze per oltre vent’anni, attualmente si dedica a Corsi di Perfezionamento per giovani concertisti, invitato da prestigiose Accademie Musicali quali l’Accademia Pianistica di Imola, Accademia Filarmonica di Bologna, Tadini di Lovere, Accademia Musicale di Firenze, ecc.

BrunoGrossiBRUNO GROSSI – E’ un musicista (flautista e pianista) versatile e polivalente.
Nato a Bellinzona (Svizzera) si é diplomato, dopo la maturità, con il massimo dei voti e la lode al conservatorio di Pesaro; ha conseguito in seguito,  a 21 anni, il 1er prix de virtuosité al conservatorio di Ginevra sotto la guida di Maxence Larrieu e ll “Konzertreifediplom” alla Musikhochschule di Basilea sotto la guida di Peter-Lukas Graf.
Si é visto attribuire numerosissimi riconoscimenti internazionali, fra i quali spiccano il Premier Grand Prix de la ville de Paris al Concorso internazionale “Jean-Pierre Rampal” e il Primo Premio al Concorso internazionale flautistico “Interart” di Budapest.
Ha svolto intensa attività concertistica ed ha registrato numerosi cd per le case disografiche Cascavelle, Empire Mastersound, Forlane, Falaut Collection.
È attualmente primo flauto all’Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano.

 

MarcoBraitoMARCO BRAITO – Diplomato al Conservatorio di Bolzano nella classe del Prof. Igino Ferrari si perfeziona successivamente alla Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo e al Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi nella prestigiosa classe del M. Pierre Thibaud dove ottiene al termine degli studi il Primo Premio all’unanimità.
Dal 2003 è Prima Tromba dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ruolo precedentemente ricoperto nell’Orchestra della Toscana e al Teatro San Carlo di Napoli. Come solista si è esibito con l’Orchestra della Toscana, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra Sinfonica di Roma e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Ha insegnato presso il Festival Internazionale ed Accademia    “Santafiora in musica” di Santa Fiora (Gr), alla Scuola di Alto Perfezionamento di Saluzzo (CN) e ai corsi di Perfezionamento di Portogruaro. E’ stato invitato a tenere vari master class per ottoni al Tanglewood Institute (Boston), Royal Northern College of Music (Manchester) Scottish College of Music (Glasgow), University of Toronto (Canada). Collabora stabilmente con il Conservatorio di Udine nei corsi Accademici di secondo livello. Con i Gomalanbrass, nel novembre 2001, si aggiudica il primo premio al Concorso Internazionale “Città di Passau”, uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello mondiale nel campo della musica per ottoni, guadagnandosi la stima di illustri direttori d’orchestra (Metha, Muti, Maazel, Pretre, Sinopoli, Giulini, Baremboim) e di ottonisti di rilievo internazionale, come Roger Bobo, David Ohanian, Steven Mead ecc…tutti concordi nell’annoverare il Gomalan Brass Quintett tra i gruppi più interessanti del panorama ottonistico internazionale.

 

NiloCaracristiNILO CARACRISTI – Nato nel 1971, si è diplomato nel 1989 presso il Conservatorio “F.Bonporti” di Trento nella classe di J.Sedlak. In seguito si è perfezionato in Italia con G.Corti, a Chicago con D. Clevenger e A. Jacobs e a Oslo con F. Ree Wekre seguendo inoltre diverse masterclass tra cui quella con M.Hacklemann (Vancouver Symphony Orchestra,Canadian Brass)e F.Ree Wekre (Oslo Philarmonic Orchestra-Norges Musikkhogskole). Si è aggiudicato, con il quintetto Gomalan Brass, il Primo Premio al Concorso Internazionale di musica da camera di Passau(Germania), considerato uno dei piu’ importanti al mondo per questa categoria, vincitore del Concorso Internazionale “Citta’di Asti” e premiato al Concorso Internazionale per giovani cornisti di Porcia(PN). Ha vinto i concorsi per Primo Corno nell’orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, posto che ha ricoperto dal 1997 al 1999 , per Quarto Corno nell’ orchestra dell’Arena di Verona, dal 1999 al 2005 e nel gennaio del 2010 per Primo Corno nell ‘orchestra del Teatro Verdi di Trieste. Nel corso della sua carriera ha collaborato con importanti orchestre come la Haydn di Bolzano e Trento, l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’orchestra del Teatro Comunale di Cagliari dove è stato invitato come Primo Corno per la Stagione Sinfonica 1996, l’orchestra della Radio Svizzera Italiana, Solisti Veneti, Accademia Bizantina, orchestra da camera di Mantova , l’orchestra Internazionale d’Italia, l’orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova e l’orchestra del Teatro alla Scala collaborando con i più grandi Maestri come Sinopoli, Mehta, Pretre, Lombard e Khun. Si è esibito come solista  in recital con pianoforte, con l’orchestra Haydn di Bolzano e Trento, con l’orchestra del Teatro Regio di Torino ed ha eseguito la prima mondiale dell’opera per due corni e voce recitante di Carlo de Pirro alla Biennale di Venezia.  Hanno scritto di lui….”Nilo Caracristi suona con precisione, potenza, sensibilita’ e flair immensi”..The Horn Call Jurnal …”Nilo Caracristi merita un riconoscimento per i suoi molti assoli meravigliosi durante la registrazione”…ITG Jurnal….” È un ‘eccellente musicista e cornista, uno dei piu’grandi talenti che io abbia mai incontrato insegnando”..Froydis Ree Wekre. Ha tenuto masterclass al Festival di Portogruaro (VE), a Riva del Garda per il Musica Riva Festival (TN), al Tanglewood Istitute (Boston-USA), al Royal Northern College of Music (Manchester – Inghilterra), al Royal Scottisch College of Music (Glasgow-Scozia), al Festival Internazionale di Kalavrita (Grecia), alla Toronto University (Canada), oltre che per vari festival italiani, registrando inoltre per diverse etichette come Summit Records, Naxos, Sony BMG, Arts Perpetuum Mobile e Col Legno. Attualmente oltre a svolgere un intensa attivita’con il Gomalan Brass Quintet, è Primo Corno dell’orchestra del Teatro Verdi di Trieste e docente di corno presso il conservatorio “A.Buzzolla”di Adria..

 

GiovanniScaglioneGIOVANNI SCAGLIONE – Dopo il diploma al Conservatorio “N. Paganini” di Genova ottenuto, con il massimo dei voti, sotto la guida di Nevio Zanardi, segue i corsi di perfezionamento di Michael Flaksman e Antonio Meneses, ricevendo da entrambi attestati di merito. Nel 1997 entra nella Konzert Class di Ivan Monighetti, presso la Musikhochschule di Basilea.
Durante i quattro anni di studio ha la possibilità di suonare come solista esibendosi con musicisti quali Sergio Azzolini (Sinfonia concertante di Haydn) e Gidon Kremer. Il Concerto per violoncello e orchestra di Robert Schumann, eseguito con la Basel Symphony Orchestra, gli vale come prova conclusiva per il conseguimento del prestigioso Solisten-Diplom. Nel 2001 vince l’audizione nazionale indetta dal C.I.D.I.M. per un posto nel Sestetto Boccherini, con il quale si esibisce per le principali società di concerto italiane (Amici della Musica di Firenze, Amici della Musica di Palermo, Amici della Musica di Perugia, Unione Musicale di Torino).
Contemporaneamente segue i corsi a Brescia con Mario Brunello e all’Accademia Stauffer di Cremona con Rocco Filippini, che, insieme a Salvatore Accardo, lo chiama a collaborare nell’ambito dei concerti di musica da camera tenuti al Teatro Olimpico di Vicenza.
Nel 2002 entra a far parte del Quartetto di Cremona, con cui tuttora svolge un’intensissima attività concertistica presso le sale più prestigiose di tutto il mondo (Wigmore  Hall di Londra, Konzerthaus di Berlino, Teatro Coliseo di Buenos Aires, Società del Quartetto di Milano).
Dal 2011 affianca all’attività quartettistica quella da solista e ha debuttato, in diretta radiofonica dal Quirinale, con un programma per violoncello solo, al quale sono seguiti altri concerti per società musicali italiane come il Lyceum Club di Firenze e la Società del Quartetto di Milano.
Nel corso della stagione 2013-14 si è esibito come solista per gli Amici della Musica di Firenze, l’Accademia Filarmonica Romana, il Festival Alfredo Piatti di Bergamo, la Filarmonica Laudamo di Messina, il Mantova Chamber Music Festival.
Nel luglio 2014 debutterà in duo con la pianista Angela Hewitt, nell’ambito del Trasimeno Music Festival.
Dall’Anno Accademico 2011-12 è docente di Quartetto e Musica da Camera presso l’Accademia Stauffer di Cremona.
Suona un violoncello di Marino Capicchioni del 1974.

 

AmerigoBernardiAMERIGO BERNARDI – Nasce a Firenze nel 1972. Studia alla Scuola di Musica di Fiesole e si diploma a pieni voti al conservatorio Cherubini. Vince giovanissimo numerosi concorsi nazionali e nel 1991 vince la selezione per l’Orchestra Giovanile Italiana, ricoprendo fin da subito il ruolo di primo contrabbasso.  Dal 1991 al 2000 circa suona nell’ORT (Orchestra Regionale Toscana), e nei Solisti dell’Ort. Dal 2000 al 2002 collabora come primo contrabbasso nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, partecipando a numerose tournee’ guidate dal M° Z. Mehta. Dal 2002 al 2010 viene scelto personalmente dal M° L. Maazel per ricoprire il ruolo di primo contrabbasso nella sua Orchestra Filarmonica Toscanini (poi Symphonica Toscanini). Con questa orchestra effettua numerosissime tournee’ mondiali, toccando tutti i continenti, suonando nelle più’ prestigiose sale del mondo: Tonhalle di Zurigo,Suntory Hall a Tokio, Avery Fisher Hall di New York, Chicago Symphony Hall,Beijing  Arts  Center. Durante la tournee’ americana del 2007 suona come ospite nella New York Phiharmonic  Orchestra. Con questa orchestra ha l’opportunità di suonare con i maggiori direttori e solisti al mondo : L.Maazel, Y.Temirkanov, G.Pretre, Z.Mehta, E.Inbal, M.Rostropovich,R.F.de Burgos, V.Gergiev, I. Perlmann, M.Vengerov, J.Fisher,… Dal 2002 circa collabora come primo contrabbasso con la Mahler Chamber Orchestra, una delle migliori orchestre da camera al mondo, guidata da bacchette quali C.Abbado e D. Harding. Con questa orchestra effettua numerosisssime tournee’ mondiali e registrazioni per DECCA e DEUTCHES GRAMMOPHONE. Dal 2003 viene periodicamente invitato da C.Abbado a partecipare alla Lucerne Festival Orchestra, orchestra creata dalla volontà del M° Abbado, che e’ composta dalla Mahler Chamber Orchestra, membri della Berliner Philharmoniker, Quartetto Hagen, Quartetto Alban Berg, Chamber Orchestra of Europe e numerosissime prime parti di prestigiose orchestre europee e americane.Numerose incisioni e DVD con la Lucerne Festival Orchestra. Dal 2010 collabora come primo contrabbasso ospite con l’ Orchestre National de Lyon, una delle più prestigiose orchestra francesi. Numerose tournee’ ed incisioni, tra cui un integrale dell’opera di Debussy. Dal 2004 è’ il contrabbassista dei Solisti di Pavia, prestigioso ensemble cameristico che varia dal quartetto all’orchestra da camera guidato dal grande violoncellista E. Dindo. Con i Solisti di Pavia effettua numerose tournee’ europee e mondiali (S. Pietroburgo, Tel Aviv, Buenos Aires..). Registra in esclusiva per Decca i concerti per violoncello di Vivaldi e l’integrale dei concerti di C. Ph. E. Bach. Come musicista da camera collabora con i maggiori Festival nazionali ed esteri, e con i maggiori solisti viventi : J.Bashmet, M.Brunello, G.Kremer, E.Dindo etc…
E’ musicista collaboratore del movimento “Human Rights orchestra” (Orchestra per i Diritti Umani), movimento ideato e guidato dal grande cornista Alessio Allegrini, che si occupa di raccogliere, tramite concerti ed eventi, fondi destinati ad aiutare popolazioni in difficoltà. Partecipano a questo movimento nomi di spicco del panorama musicale mondiale: D.Baremboim, C.Abbado, M.J. Pires, H.Grimaud,
oltre ad altre altissime cariche politiche. Dal 2002 è membro della BASS GANG, uno degli ensemble contrabbassistici più apprezzati al mondo. La BASS GANG rappresenta un fiore all’occhiello nel mondo contrabbassistico, affrontando con disinvoltura generi e stili musicali tra i più diversi : Rock, Classico, Blues, Jazz, Pop, Latino.Con la Gang effettua numerose incisioni (3 cd e un DVD) e tournee’ mondiali, varie volte in Giappone (Suntory Hall Tokyo, Kitara Hall Sapporo, Izumi Hall Osaka, Minatomirai Hall Yokohama) Korea (Seoul Arts Center, Hayci Arts Center) Germania (Kammer Saal della Berliner Philharmoniker). Oltre ai “normali” concerti in quartetto, la Bass Gang suona varie volte come solista accompagnata da orchestre in un particolare progetto Verdi-Rossini-Melodie napoletane, con i Berliner Symphoniker e la Tokyo Symphony Orchestra. Dal 2007 è docente di contrabbasso presso l’Istituto Musicale Peri-Merulo di Reggio Emilia. Si dedica moltissimo alla formazione giovanile orchestrale.
Intensissima anche l’attività’ di docente in varie summer class, sia in corsi strumentali individuali che come tutor di celli e bassi : Cantiere Internazionale di Montepulciano,Orchestra Giovanile Italiana, Orchestra Giovanile di Domodossola, Orchestra da Camera di Domodossola.
Suona un contrabbasso G.Bagatella del 1786 di proprietà’ dell’Istituto Peri-Merulo.

 

RiccardoZanellatoRICCARDO ZANELLATO – vince il premio Operalia nel 1996, debutta con Dom Sébastien di Donizetti al Teatro Comunale di Bologna e al Teatro Donizetti di Bergamo. Da questo momento in poi inizia una carriera che lo vede affermarsi come uno degli artisti di riferimento nel repertorio verdiano. Ha interpretato con successo: Attila e La battaglia di Legnano (Parma), Rigoletto (Parma, Macerata, Caracalla, Teatro alla Scala, Torino, Liegi), Otello (Parigi), Simon Boccanegra (Roma, Ravenna),Nabucco (Parma, Festival di Savonlinna), Aida (Napoli, Torino, Verona), Trovatore (Losanna, Verona),Macbeth (Staatsoper di Berlino), Luisa Miller (Barcellona, Bilbao, Lione).
A suo agio anche nelle opere di Rossini, Bellini, Donizetti e Puccini è stato protagonista di Maria Stuarda(Bergamo); Anna Bolena (Helsinki, Torino e in tournée in Giappone ); Lucia di Lammermoor(Macerata,Venezia, Wiesbaden); Norma (Montevideo e in tournée in Giappone, Verona); Il barbiere di Siviglia (Parma); I puritani (Amsterdam). Degna di nota collaborazione con Riccardo Muti che lo ha scelto per Iphigenié en Aulide, Nabucco, Moïse et Pharaon, Macbeth e Simon Boccanegra al Teatro dell’Opera di Roma. Regolare ospite del Festival Verdi al Teatro Regio di Parma ha interpretato più recentemente Nabucco, La forza del destino con la direzione di Gelmetti e il Requiem diretto da Temirkanov. Ha cantato Guillaume Tell (Walter Furst) a La Coruña diretto da Zedda; Nabucco e Requiemdi Verdi a Copenaghen; Aida (Ramphis) ad Anversa; La Juive a Vilnius; Lucia di Lammermoor alle Settimane Musicali di Stresa e a Padova.
Ha debuttato al Rossini Opera Festival come Mosé nel Mosè in Egitto (premio Abbiati 2011). Tra gli altri successi ricordiamo: Requiem di Verdi a Napoli diretto da Muti; Poliuto e La Bohème a Zurigo; Aida al Teatro alla Scala di Milano;Macbeth a Lione; Norma a Caracalla; Anna Bolena a Monaco; Requiem di Verdi a Cagliari, a Portorico, Barcellona e in tournée con il Comunale di Bologna a Mosca. Recentemente ha cantato all’Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma diretto da Antonio Pappano, ed è tornato al teatro dell’Opera di Roma per cantare Nabucco.
Ha inaugurato la stagione 2013 del Teatro Comunale di Bologna vestendo i panni di Banqo nel Macbeth verdiano firmato per la regia da Bob Wilson e diretto da Roberto Abbado, successivamente ha cantato La Juive a Vilnius, di nuovo Nabucco a Stoccarda, Lipsia e al Maggio Musicale Fiorentino di Firenze, Norma a Cagliari, Simon Boccanegra a Lione; Il Trovatore a Salisburgo; ha interpretato ilRequiem di Verdi a Taipei diretto da Roberto Abbado, mentre è stato protagonista del concerto dell’ultimo dell’anno a Vilnius e Requiemdi Verdi a Cincinnati e St. Louis e successivamente di nuovo sotto la bacchetta di Riccardo Muti al Ravenna Festival e in tourneé in Slovenia.
Tra i prossimi impegni ricordiamo: Aida a Roma;  Simon Boccanegra a Dresda; Norma a Parigi (Théâtre des Champs Elysées); Nabucco a Nancy a Stoccarda; Requiem di Verdi a Seul, a Ravenna e Vienna con Riccardo Muti e la Chicago Symphony Orchestra; Turandot a Napoli; Norma a Parigi.

 

AntonelloAllemandiANTONELLO ALLEMANDI – Attualmente tra i più attivi direttori italiani in campo internazionale, Antonello Allemandi debutta a 21 anni al Maggio Musicale Fiorentino. Inizia da allora una carriera internazionale che lo porta ad esibirsi sul podio di alcune fra le massime istituzioni musicali del mondo, fra le quali Wiener Staastoper, Opéra National de Paris, Théâtre des Champs-Elysées, Covent Garden, Metropolitan, Deutsche Oper di Berlino, Bayerische Staasoper di Monaco, Teatro Real de Madrid, Gran Teatre del Liceu di Barcelona, Bunka Kaikan di Tokyo, Rossini Opera Festival di Pesaro, Festival Verdi di Parma e Festival de Santander, solo per citarne alcune.
Oltre ad essere stato per sei anni Direttore Musicale dell’Orchestre Colonne a Parigi, nel corso della sua carriera Antonello Allemandi ha avuto modo di collaborare con alcune fra le maggiori compagini orchestrali italiane, fra le quali le quattro Orchestre RAI, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Verdi di Milano, l’Orchestra Regionale Toscana ed i “Pomeriggi musicali” di Milano, nonché con importanti orchestre in Francia, Spagna, Germania e Svizzera. In Giappone ha diretto concerti in sale quali la Suntory Hall, il Tokyo Art Space e il Bunka Kaikan (Le sacre du printemps di Stravinskij, la Messa da Requiem di Verdi, la Sinfonia n.5 di Prokofiev). Nell’anno delle celebrazioni Verdiane ha diretto la “Maratona Verdiana” (da Nabucco a Falstaff) al Festival di San Sebastian e il Nabucco all’Arena di Nîmes. In campo operistico ha avuto modo di dirigere altre importanti produzioni, fra quali si segnalano La traviata, Il trovatore, Il barbiere di Siviglia, L’elisir d’amore ed I puritani alla Wiener Staatsoper, Un ballo in maschera e Tosca all’Opéra National de Paris, Il barbiere di Siviglia al Covent Garden, Il pirata, Werther e Tosca alla Deutsche Oper di Berlino, La traviata, Carmen, Cavalleria rusticana e Pagliacci al Teatro dell’Opera di Köln, L’italiana in Algeri e La traviata alla Bayerische Staasoper di Monaco di Baviera, Don Carlo al Teatro Real di Madrid (per il Centenario Verdiano), Lucia di Lammermoor al Grand Théâtre de Genève, La Cenerentola al Metropolitan di New York, L’equivoco stravagante e Il turco in Italia al Rossini Opera Festival.
Nella passata stagione (2006/07) ha diretto con grande successo Carmen alla Coruña e a Santander, La traviata alla Stockholm Royal Opera, Lucia di Lammermoor al Liceu di Barcelona, La bohème alla Semperoper di Dresda, L’elisir d’amore al Teatro Regio di Torino e Cavalleria Rusticana a St. Gallen.
Reduce da ottimi successi nell’Oberto, conte di San Bonifacio al Festival Verdiano 2007 a Busseto, Lucia di Lammermoor al Teatro Comunale di Bologna, L’italiana in Algeri al Teatro Megaron in Atene e nlla Turandot all’Opera di Bilbao, Antonello Allemandi annovera fra i suoi prossimi impegni La traviata alla Staatsoper di Berlino, Turandot al New National Theatre di Tokyo, La traviata al Bunka Kaikan di Tokyo e Aida alla Semperoper di Dresda, In campo discografico ha registrato la prima esecuzione moderna di Alina e Le convenienze e inconvenienze teatrali di Donizetti (Opera Rara). Ha inciso inoltre Elvida, Francesca di Foix di Donizetti e Maria Stuarda di Mercadante per l’etichetta britannica Opera Rara, Ernani (cd e dvd) per Dynamic e Simon Boccanegra live dal Festival di Santander (2003).
A Bilbao, dove ha diretto ben ventisette titoli d’opera, gli è stata conferita la medaglia d’oro in occasione del cinquantesimo anniversario dell’ABAO, già consegnata, a suo tempo, a Ettore Bastianini (1958), Mirella Freni (1975) ed Alfredo Kraus (1985)..

 

MatildeBufanoMATILDE BUFANO – Vive e lavora a Milano.
Diplomata in Pianoforte, Composizione e Musica Corale e direzione di coro. Ha partecipato a diversi concorsi di composizione, fra i quali il Concorso Internazionale GEDOK di Mannheim, dove ha ottenuto una menzione d’onore per il brano “Flying”.
Ha approfondito vari metodi di analisi musicale, in particolare l’analisi schenkeriana. Ha partecipato a numerosi convegni sull’argomento organizzati da Conservatori e Università.
Docente di ruolo nei Conservatori dal 1979, ha insegnato per diversi anni Teoria, Analisi, Armonia. Attualmente, presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, è docente di alunni dislessici con i quali mette in atto, per la prima volta in Italia, proprie metodologie con ottimi risultati. Ha partecipato con proprie relazioni a diversi convegni sulla dislessia, e in collaborazione con i proff. Enrico Ghidoni, Giacomo Stella e altri, tiene corsi di aggiornamento per insegnanti di musica.
Ha curato la traduzione in italiano del volumi:
Structural Hearing” di Felix Salzer, LIM Editrice, Lucca 2004;
Music & Dyslexia” di Miles e Westcombe, Rugginenti Editore, 2008;
The Art of Performance” di Heinrich Schenker in collaborazione con Carlo Levi Minzi, Rugginenti editore 2009.
Instrumental music for dyslexics – A teaching handbook” di Sheila Oglethorpe, Rugginenti Editore 2011;
di prossima uscita “Esquisses pour une méthode de piano” di Frédéric Chopin, ed. Flammarion, France 1993.
Sul Sole 24 ORE del 7 agosto 2011 Quirino Principe l’ha definita “…schenkeriana di rango”.
Attualmente, oltre all’attività di docente di allievi dislessici, sempre presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, è stata promotrice del Master biennale su “Musica e dislessia” che si terrà negli A.A. 2012-2014, il primo in Italia su questo argomento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close